mercoledì 12 ottobre 2016

a volte una scarpa potrebbe far bene alla salute: di chi la scaglia, s'intende...



Mi trovo a fare un pezzo di strada con una collega all’uscita dal lavoro.
Siamo ancora davanti all’ascensore e già mi spruzza e mi affoga con il potente getto della sua pompa di domande:
Che strada fai?
Dove vai?
Come mai da quella parte?
Abiti in quella zona?
Prendi il mio stesso autobus? 
Devi fare spese?
A che negozio vai?
E perché proprio quello?
Lo conosci?
Ci si compra bene?
Questa faticosa intervista si completa tutta davanti all’ascensore, mentre nasce e cresce in me un senso di acuto e crescente malessere e fastidio, simile ad una dermatite pruriginosa,  al solo pensiero di dover fare più di dieci passi con questa donna-canna del gas al seguito.
Così, all’inizio le rispondo, facendo però attenzione a rimanere caparbiamente indietro nella scaletta delle sue domande a raffica e a pompa, giusto per saggiare la qualità del suo cronometro domandesco e la sua resistenza alle buche create dalla mia resistente lentezza; poi  inizio a darle in pasto frasi sempre più brevi, finché arrivo a soddisfare il suo appetito inquisitorio solamente con cenni del capo, per di più minimi e poco convinti.

Abbiamo giusto il tempo di arrivare alla fermata e di salire sull’autobus e la donna- pompa mi rovescia addosso il racconto-agenda di tutti i suoi impegni, completi di orario e di percorsi annessi e connessi, manco le avessi allungato anch’io un question-time chilometrico.
L’ansia sale in me, divisa equamente tra l’aspirazione drammaticamente intensa a vederla scomparire, disintegrata e sbriciolata dalla sua stessa gassosa e venefica effervescenza interrogatoria, e l’inevitabile immedesimazione, che riesco a contrastare solo parzialmente, con la sua fittissima agenda di donna che non perde neanche un minuto e neppure un secondo per fare e, soprattutto, per dire&interrogare.
Però, contemporaneamente, in me va crescendo anche un altro sentimento, descrivibile con un senso di lussuriosa, seducente, carnale aggressività fisica: unico spunto e bersaglio lei, la donna- tossina
So che non posso ricorrere alla sana e salutare arte del “mò te dò ‘na scarpa ‘ntesta si nun la pianti prima dde subbito” e così inizio a ritirarmi e concentrarmi sempre di più in un’espressione facciale priva di frequenza intellettiva, in un grugno che, raccogliendo tutte le espressioni del mio umore del momento, le riduce e le assembla  alla fine in una sola manifestazione emotiva: la concretizzazione fisiognomica lombrosiana del nulla-plastico-assoluto.
Si tratta di un’espressione facciale e, insieme, di una potente pratica zen, da mettere in atto con molto impegno, ma i cui risultati sono pressoché garantiti. Occorrono doti interpretative e di concentrazione affinate, nonché capacità di sdoppiamento, ma con l’esercizio ci si può riuscire… l’importante è che, in situazioni del genere, si riesca a far viaggiare fino a destinazione, fin nel cuore cioè del dirimpettaio-scass'ambrella, quell’inquietante sensazione del:
ma che c’avrà questa? stà a ddormì? sarà scema?” .
"sì, sono scema: per te lo sono".
Insomma, tra infinitesimali e quasi impercettibili cenni di assenso, assolutamente privi di suono d’accompagno, tra espressioni senza né dritto né rovescio, tra posture e sguardi sempre più scollegati dall'immediato contesto, ho pian piano guadagnato il terreno del silenzio tombale.
Purtroppo la pace arriva quand'è tardi, ché la donna-tossina deve scendere per prendere un altro mezzo, che la porterà  alla destinazione prevista dalla sua infaticabile agenda alle 17.30.
Tuttavia, da sguardi carpiti qui e là, so che la sto lasciando andare via portandosi appresso un senso sottile ma persistente di frana, di sbriciolamento, esattamente quel che le volevo collocare a mo’ di tappetino sotto la tanica del suo diserbante e derattizzante Super-io: i miei ingombranti silenzi vocali e facciali hanno prodotto un buon risultato, chissà se se ne avvantaggerà la prossima vittima...


8 commenti:

  1. Mi par di capire che non apprezzi molto l'invadenza della tua collega. Un consiglio: la prossima volta evita di prendere l'ascensore con lei.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In realtà bisognerebbe evitare di averla conosciuta...ah, se ci fosse la macchina del tempo!

      Elimina
  2. Molto brava...grande abilità!!!
    ;D
    Io sono ancora moooolto indietro.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Comunque è faticoso, assaje, assaje!

      Elimina
  3. pericolose queste persone... solitamente invento una scusa qualsiasi e le sfango. Troppe energie negative concentrate sono nocive

    RispondiElimina
  4. ne dubito, un'altra caratteristica delle logorroiche a vanvera è quella di dimenticare in scioltezza di lingua le critiche :)
    massimolegnani

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ...già, pure le critiche non espresse a voce!
      Sai, io la chiamo la tecnica della pagina 777 di televideo...

      Elimina

Commenti volgari, pretestuosi, completamente fuori tema, o dettati da malumori strettamente personali e/o fantasiosi e, di conseguenza, di nessun interesse né per me, né per gli altri, verranno elegantemente soppressi da me personalmente con un semplice clic!
(tranne che in qualche rara occasione, perché occorre lasciare che ogni tanto il Mostro si mostri per quel che è...)