lunedì 20 febbraio 2017

bambini con niente



Ho scoperto il segreto dei fiocchi di neve: pensavo scendessero sempre, scendessero soltanto, invece ho scoperto che talvolta risalgono, si involano verso il cielo, tra l'indeciso e il dispettoso, disegnando archi grandi, come gondole d'inverno.
L'ho scoperto nel cielo di un paese piccolino, mentre stavo con la testa fuori dalla finestra, rapita da quei movimenti, senza sentire più freddo, confinata nel solo potere  della bellezza che si prende tutto il mondo per palcoscenico.
Sono tornata piccolissima, una formica colta di sorpresa dalla grandezza del resto da me.
E' da un po' che ho capito meglio di prima come si fa a tornare bambini: stasera, ad esempio, con la testa fuori e lo sguardo mirato solo a quei fiocchi indecisi, ho dimenticato ogni cosa e ne ero felice.
Bambina di nuovo, con niente.



10 commenti:

  1. Adesso che sei tornata -finalmente- bambina passa da me: ti insegnerò come fare a rimanere per sempre bambina, affacciata alla tua finestra con gli occhi sgranati a guardare fiocchi di neve che oscillano indecisi tra depositarsi al suolo ruvido oppure risalire, per poi decidere di risalire definitivamente. Ti insegnerò ad abbracciarti ad uno di loro, ad avvoltolarti agli altri che incontrerai ed a salire nel cielo terso tutto pieno di acquiloni colorati; ti insegnerò come si vive in vita di aquilone dondolata dal vento e risucchiata dal sole.
    Also, ich warte auf Dich.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sai, penso di aver avuto in dono un cuore dall'infanzia infinita e ne sono fiera persino quando ciò è fonte di dispiacere.
      Ich schicke Dir eine große Umarmung.

      Elimina
  2. quel "con niente" racchiude il segreto dell'infanzia e dell'incanto.
    ml

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'incanto, ecco cos'è.
      Si può chiamare anche stupore, capacità di provarlo.
      Ciao, Carlo, un sorriso.

      Elimina
  3. Carlo dice bene.. quel "con niente" è tutto... ci fasciamo la testa e ci frulla troppo di tutto dentro. E c'è sempre un niente fantastico a portata di tramonto...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, il niente di un bambino è la meraviglia del mondo.

      Elimina
  4. io non lo so...
    ma questo post mi ha fatta venire il magone...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. :-( ...e perché mai? non c'è tristezza, neanche di sottofondo.

      Elimina
  5. La capacità di stupirsi ed emozionarsi con "poco" come fanno i bambini, è un dono prezioso da proteggere anche se è vero ti lascia più vulnerabile alle ferite altrui.

    RispondiElimina
  6. Sì, l'infanzia del cuore è un patrimonio inestimabile

    RispondiElimina

Commenti volgari, pretestuosi, completamente fuori tema, o dettati da malumori strettamente personali e/o fantasiosi e, di conseguenza, di nessun interesse né per me, né per gli altri, verranno elegantemente soppressi da me personalmente, con un semplice clic...