lunedì 12 giugno 2017

la libertà del cielo


Ogni cielo è una storia.
Ogni cielo è un'emozione. Sempre diversa.
Puoi riconoscerti in un cielo, nel momento in cui i tuoi sentimenti sembrano tracciati nei colori e nella forma delle nuvole.

E, se sei inquieto, puoi riuscire a consolarti un po' con un cielo dai toni rasserenanti.
Perché i cieli ci accompagnano, ci raccontano storie e, a volte, ci rasserenano.

Mi piace ritrarre i cieli, mi piace la loro variabilità di colori e di forme, mi dà il senso di un estro inesauribile, mai ripetitivo, il senso della libertà, della fantasia e dell'illimite. 

Nessun cielo, neanche quando piove, sarà mai prigioniero di sé stesso e delle sue ossessioni: sa che un altro e diverso cielo gli succederà.


Perché il cielo è movimento e mai ripetizione.

10 commenti:

  1. La tua conclusione mi ha colpito moltissimo. E' vera ed in essa c'è la vita.

    RispondiElimina
  2. Infatti, chi vive si muove, cambia, acquisisce, si evolve.
    Ciao, Daniele, un abbraccio.

    RispondiElimina
  3. Non esiste cielo senza nuvole. E le nuvole rappresentano l'altro spettacolo del cielo: si allungano, si sfilacciano, si susseguono, si rincorrono bianchissime come morbidi cuscini.

    RispondiElimina
  4. Vero, infatti non esiste cielo senza variazioni.
    La libertà del cielo è proprio questo: la variabilità, la libertà dalla ripetizione (quella che negli umani dicesi "ossessione").
    Ciao, carissimo Remigio

    RispondiElimina
  5. Tutti i cieli sono incantevoli, ma io subisco particolarmente il fascino dell'alba, oprattutto marina. Parlo della nostra costa orientale, quando sul fiore dell'orizzonte initia appena ad affiorare la prima luce, metallica, a seconda della stagione, rosata al limite dell'argenteo, muta ma piena di suoni misteriosi.
    Dei tramonti preferisco sempre quelli marini, quelli che godevo ogni sera a Civitavecchia, quando il mare diventa arancione, poi lilla.
    Con o senza nuvole. Certo che la presenza di nuvole dà al tutto una vita diversa, sempre nuova. Ma c'è un cielo che non scambierei con nessu altro: quello nottirno d'agosto, quando la luna impera con la sua luce e le stelle sembrano aghi puntati verso di te. Allora uno strato leggero di nuvole biancastre mi dona il senso della vita che non finisce mai.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sottolineo la parte finale del tuo commento, perché è proprio vero:guardando il cielo si respira il senso dell'eternità, e non fa nulla se l'eternità non appartiene alla nostra specie.

      Elimina
  6. La cosa più bella è quando il cielo che abbiamo dentro di noi coincide con quello sopra di noi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono i magici e rari momenti dell'Armonia.
      Ciao, Alberto,
      :-)

      Elimina
  7. Ogni cielo è sempre uguale al precedente eppure sempre differente. Non avrai mai le stesse nuvole, le stesse stelle, né la stessa aria a separarti da esso.

    Ogni istante è un mondo nuovo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono d'accordo: la varietà è libertà, così come la ripetività è prigione

      Elimina

Commenti volgari, pretestuosi, completamente fuori tema, o dettati da malumori strettamente personali e/o fantasiosi e, di conseguenza, di nessun interesse né per me, né per gli altri, verranno elegantemente soppressi da me personalmente, con un semplice clic...