mercoledì 9 gennaio 2019

ricordare fa bene alla salute

Questo post è dedicato  in particolare a tutti quelli che camminano ad un metro da terra perché si sentono eredi di una civiltà millenaria (che pure c'è stata), una civiltà pura e priva di macchie...così tanto superiore da aver prodotto cosette così:



...e pazienza se si tratta di satira, quando la firma è quella di Germi...
Sempre a titolo di promemoria e profilassi, ecco il testo originario della norma del Codice Penale, art. 587, ("delitto d'onore"), la cui abolizione risale appena appena al 1981 (!)
“Chiunque cagiona la morte del coniuge, della figlia o della sorella, nell’atto in cui ne scopre la illegittima relazione carnale e nello stato d’ira determinato dall’offesa recata all’onor suo o della famiglia, è punito con la reclusione da tre a sette anni. Alla stessa pena soggiace chi, nelle dette circostanze, cagiona la morte della persona che sia in illegittima relazione carnale col coniuge, con la figlia o con la sorella.
(…)
“Per i delitti preveduti dal capo primo e dall’articolo 530, il matrimonio, che l’autore del reato contragga con la persona offesa, estingue il reato, anche riguardo a coloro che sono concorsi nel reato medesimo; e, se vi è stata condanna, ne cessano l’esecuzione e gli effetti penali”.
Ancora, sempre per la salute e la memoria: solo nel lontanissimo 1996 (!), dopo più di vent'anni di iter legislativo, con una nuova legge fu riclassificato il reato di violenza sessuale, che passò da delitto contro la moralità pubblica(!) e il buon costume(!) a crimine contro la persona...
Non riesco a fare a meno di riscrivere tutto ciò, di tanto in tanto, soprattutto quando leggo e/o ascolto certi inqualificabili discorsi. Lo scrivo per non dimenticare, perché il passato conta sempre e con il passato, ogni tanto, bisognerebbe farci i conti, (passatemi il gioco di parole), almeno prima di sproloquiare.

8 commenti:

  1. He....un tema un tantisno impegnativo questo...
    #SA

    RispondiElimina
    Risposte
    1. impegnativo?...beh, magari dopo ci vorrà una sauna rilassante
      ;-P

      Elimina
  2. incredibile, a non mettere le date, sarebbero sembrate leggi di metà ottocento e da allora abolite.
    fa orrore pensare che gli assassini mostruosi di tante ex-fidanzate o ex mogli se la sarebbero cavata con tre anni di reclusione.
    massimolegnani

    RispondiElimina
    Risposte
    1. è un pezzo di storia di cui ci dimentichiamo troppo spesso

      Elimina
  3. Ipocrita legge medioevale, sostenuta anche dai preti, che beati e leggeri assai ipocritamente non la condannarono mai. Non ricordo nessun papocchio che abbia scritto un'enciclica in difesa delle donne massacrate forse nemmeno per un atto d'amore, ma per il sospetto di averlo -oh loro dio- perpetrato.
    Quando finalmente un legilatore onesto pose fine all'orrore, non successe nulla di eclatante ed ancora oggi nei nostri tribunali in caso di corna messe da una donna, o peggio in caso di violenza subita, si alza prima o poi la domanda fatidica del Presidente della Corte: "Ma lei come era vestita? Ma allora lo ha provocato?"
    E nessuno prende quel presidente a calci nei coglioni.
    Italia, Land am Rand der Zivilisation.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Siamo un paese moderatamente civile, pluri-ripetente in materia di diritti, tanto per essere buoni...

      Elimina
  4. Siamo figli di secoli dominati da una ecclesia che concepì i tribunali dell'Inquisizione e che ritiene perfino il concepire un figlio un peccato, visto che il chiericume ripete da secoli che Gesù fu concepito senza peccato e viene venerata l'Immacolata Concezione; di poi, a leggere un po' la bibbia possiamo capire come viene concepita la donna: se ne salva solo una, per l'appunto, tutte le altre sono sentine di ogni male.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E qualcuno ti scomunicherà per queste parole!!!
      hihihihihi!!!!

      Elimina

Da amministratrice unica del mio blog mi riservo di decidere sulla pubblicazione dei commenti. Sempre.
Sono sicuramente destinati all'indifferenziata i commenti pretestuosi, offensivi e provocatorii che passeranno a miglior vita senza neanche essere letti: i cercatori di polemiche da rissa si rivolgano altrove.